Caso bibi

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 14 (3362 palabras )
  • Descarga(s) : 0
  • Publicado : 24 de mayo de 2011
Leer documento completo
Vista previa del texto
R EST S0A QBXB
PAKISTAN: ASIA BIBI; STAMPA, SPERANZE FAMIGLIA PER GRAZIA
(ANSA) - ISLAMABAD, 22 NOV - L'intera famiglia di Asia Bibi, la donna cristiana pachistana in carcere da un anno e mezzo per una condanna in primo grado per blasfemia, attende la decisione del presidente Asif Ali Zardari che potrebbe concederle presto la grazia. Lo scrive oggi il quotidiano Express Tribune.
''Iovoglio solo rivedere la mia mamma'', ha detto all'inviata del giornale la piccola Asha, che e' disabile, mentre le lacrime le scendevano sulle guance.
Ha appena dieci anni ed e' uno dei cinque figli di Asia Bibi. Il piu' grande e' Naseem, sposato, che vive altrove, mentre gli altri sono Imran (22 anni), Sidra (18) ed Esham (nove).
''Ho rivisto dopo tanto tempo la mia mamma martedi''',aggiunge Asha, confessando di avere timore "che lei possa morire in carcere''.
Dopo la visita fattale dal governatore della provincia del Punjab, Salman Taseer, nel carcere di Sheikupura, il dossier deve ora giungere sulla scrivania del presidente Zardari, che ha il potere di graziare la donna.
Una disputa con alcune compagne di lavoro si e' tramutata all'inizio del giugno 2009 in una denunciaper blasfemia presentata, sottolinea il giornale, ben quattro giorni dopo da un religioso, Qari Salam, che non aveva neppure assistito alla discussione.
La sentenza di condanna a morte e' stata firmata nei confronti di Asia Bibi, che ha 45 anni, il 9 novembre scorso da un tribunale del distretto di Nankana Sahib.
Nelle ultime settimane la vicenda della donna cristiana ha suscitato emozioneed una campagna di sostegno internazionale per la sua liberazione. (ANSA). SAL 22-NOV-10 08:21 NNNN

9CO345106 4 POL ITA R01
ASIA BIBI, DOMANI CONFERENZA STAMPA ALLA CAMERA
(9Colonne) Roma, 22 nov - Asia Bibi, una donna cristiana di quarantacinque anni, madre di cinque figli, è stata condannata a morte in Pakistan per blasfemia il 7 novembre scorso. Un tribunale del Punjab ha sentenziatoche la donna, una lavoratrice agricola, ha offeso il profeta Maometto. Grazie alla diplomazia del Parlamento italiano e all'appello del Papa, il presidente pakistano, Asif Ali Zardari, potrebbe presto concedere la grazia ad Asia Bibi.
Il deputato della Lega Nord, Massimo Polledri, insieme ad altri esponenti parlamentari, ha organizzato una raccolta di firme bipartsian da consegnare al presidenteAsif Ali Zardari per chiedere la grazia di Asia Bibi e promuovere l'abolizione della legge sulla blasfemia. "È stata varcata una nuova linea alquanto pericolosa" spiega l'esponente del Carroccio. "La legge sulla blasfemia costituisce spesso un pretesto per attacchi, vendette personali e omicidi extragiudiziali. Bisogna cercare di fermare ogni tipo di discriminazione religiosa e tutelare tutti icristiani che vivono nei paesi musulmani".
L'iniziativa sarà presentata in una conferenza stampa alla Camera dei deputati. All'evento interverranno i deputati Massimo Polledri (Lega Nord), Souad Sbai (Pdl), Domenico Di Virgilio (Pdl), Olga D'Antona (Pd), Shahid Mobeen, docente presso la Pontificia Università Lateranense e monsignor Joseph Coutts, vescovo della diocesi di Faisalabad (Pakistan).L'appuntamento è fissato per martedì 23 novembre alle ore 14.30 presso la sala stampa della Camera dei deputati. (PO / red) 221250 NOV 10

U EST S0B QBXB
PAKISTAN: AGENZIA FIDES, ASIA BIBI STUPRATA DA SUOI AGUZZINI LO AVREBBE DICHIARATO LA DONNA AL GOVERNATORE DEL PUNJAB
(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 NOV - Prima di essere consegnata alla polizia, Asia Bibi, la donna cristiana condannata amorte in Pakistan per blasfemia, e' stata stuprata dai suoi aguzzini. E' quanto la donna avrebbe riferito al governatore del Punjab, Salman Taseer, secondo quanto riporta l'agenzia Fides.
Il governatore ha visitato Asia in carcere due giorni fa. Dopo il colloquio, il governatore ha riferito che la donna ''ha firmato un appello alla clemenza del Presidente Ali Zardari'' e ha detto che...
tracking img