Estudiante

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 10 (2294 palabras )
  • Descarga(s) : 4
  • Publicado : 7 de marzo de 2010
Leer documento completo
Vista previa del texto
STORIA

|Assisi, come d'altro canto il resto della regione, era abitata, in origine, |[pic] |
|dagli Umbri. Successivamente, la Città, risentì dell'influenza etrusca e romana | |
|documentata, quest'ultima, dalle numerose testimonianze romane come la facciata ||
|del Tempio di Minerva, i resti del Foro, le Mura Romane e l'Anfiteatro. Dopo la | |
|caduta dell'Impero Romano la Città, intorno al 545, venne insediata dai Goti e | |
|successivamente dai Longobardi. Fu solo con l'anno 1000 che divenne un comune ||
|indipendente e, proprio durante questo periodo, conobbe uno sviluppo | |
|straordinario soprattutto grazie ai movimenti monastici (in special modo quello | |
|dei Benedettini). Dal 1200 al 1500 in Assisi si alternarono nuovi e vecchi ||
|padroni tra cui i Visconti, Montefeltro e gli Sforza; continuamente dilaniata da| |
|contrasti interni tra la porta De Sopra e la porta De Sotto. | |
|Dal '500 al 1860 divenne parte integrante del territorio dello Stato della |Guerriero del Subasio,bronzetto votivo del V |
|Chiesa. Nel 1181, nacque San Francesco, il cittadino più famoso di Assisi e fu |secolo a.C., trovato nel 1879 in un "ripostiglio |
|nel 1202 che, durante una guerra con la vicina Perugia, Francesco fu fatto |votivo" in cima al colle San Rufino sul Monte |
|prigioniero e tenuto in carcere per oltre un anno. |Subasio.|
| |Raffigura un "Marte italico in assalto". |
|Dal 1206, Francesco si dedicò a Cristo attraverso il servizio e l'aiuto ai poveri, vivendo come povero egli stesso. Famosa è la sua|
|rinuncia pubblica, nella piazza di Assisi, a tutti i beni del ricco genitore.|
|Nel 1228, a due soli anni dalla sua morte, Francesco venne proclamato santo da Papa Gregorio IX.   |
|Da quel momento la Città divenne dominio imperiale e poi papale per essere, in seguito, legata a signorie come quella di Gian |
|Galeazzo Visconti, della famiglia dei Montefeltro, di Braccio Fortebraccio e diFrancesco Sforza. Questo durò sino alla metà del |
|XVI secolo, quando l'Umbria fu conquistata da Papa Paolo III che costruì la famosa "Rocca Paolina" a Perugia ristabilendo il |
|controllo papale sulla Città e su tutti gli altri insediamenti. Secoli dopo, nel diciannovesimo secolo, la Città divenne parte del |
|nascente Stato Italiano, insieme alle altre città dell'Umbria.|
|[pic] |

|[pic] | |[pic] |
|Epigrafe in lingua umbra e alfabeto latino del II-I secolo a.C., ||Ricostruzione monumentale e scenografica del Foro di Assisium,|
|rinvenuta tra Ospedalicchio e Bastia Umbra (C.I.L. XI 5389). | |in primo piano l'edicola a quattro colonne con i Dioscuri; |
|Indica la terminazione di un terreno a cura dei magistrati di | |sullo sfondo, il tempio sopra un alto podio, sostenuto dal |
|Assisi (uhtur e marone) e vi compare un esponente della gens |...
tracking img