Il signor mani

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 6 (1495 palabras )
  • Descarga(s) : 0
  • Publicado : 17 de octubre de 2010
Leer documento completo
Vista previa del texto
Abraham B. Yehoshua
Il signor Mani[i]
(Relazione di Antonia Giordano)

Dove inizia il confine tra la storia di un popolo e le vicende personali, private e intime di una famiglia? Fino a che punto gli avvenimenti e le circostanze possono condizionare e dirigere il microcosmo di relazioni familiari?
Attraverso un romanzo dalla forma impeccabile, e un ritmo incalzante e trascinante, loscrittore israeliano Abraham B. Yehoshua, fa porre al lettore queste e altre domande, compiendo un avvincente viaggio in più di un secolo di storia del popolo ebraico.
Gli uomini sono inevitabilmente figli di una particolare e specifica epoca storica che ne condiziona le vicende personali. La storia si insinua nella dimensione privata ed inevitabilmente la impregna e la modella. La storia del popoloebraico si lega indissolubilmente ai numerosi paesi e luoghi dove, nei secoli della diaspora, le comunità ebraiche si sono radicate. Nel caso dell’identità ebraica, forse perché questa non si crea a partire da un riferimento geografico e territoriale, sono gli avvenimenti storico-politici a costituire il fattore determinante e qualificante. Spesso sono state le guerre e i conflitti a marcareprofondamente la storia di questo popolo, a scandirne il “tempo” e a tracciarne viaggi e spostamenti. Nel romanzo Il signor Mani,Yehoshua ci mostra come qualsiasi fatto storico di grande portata si cala sempre nelle dimensioni piccole e quotidiane, nei nuclei familiari che non solo vengono plasmati da tali fatti, ma in maniera attiva rispondono e interpretano ogni saga di eventi.
Partendo dal 1982fino al 1848, la saga appassionante e coinvolgente di un’antica famiglia ebraica, i Mani, si dipana a ritroso nel tempo. Attraverso cinque dialoghi di differente collocazione temporale e spaziale, eterogenei personaggi si susseguono a ricostruire, per via patrilineare, le vicende familiari che si intersecano con gli avvenimenti della storia del popolo ebraico . Yehoshua struttura il suo romanzocercando di lasciar trasparire l’importanza di ogni singolo dettaglio e lasciando al lettore il compito di penetrare nei particolari,di scoprire il senso delle cose e la relazione di ogni elemento con tutti gli altri. In questo modo, ricostruendo la saga della famigli Mani, si può osservare come nelle ombre di personaggi, apparentemente avvolti da un alone di mistero, e appartenenti a epoche e luoghidifferenti, ci siano comportamenti, idee ed attitudini che si ripetono. Ci mostra una fitta trama di relazioni tra personaggi e luoghi nella quale si fonda un microcosmo umano in cui ogni cosa ha il suo “perché”.
La peculiarità dei dialoghi è che presentano solo le battute di uno dei due personaggi. Questa scelta stilistica non riduce il dialogo ad un piatto monologo, ma al contrario, stimolala fantasia del lettore che entra in maniera attiva nella trama degli eventi, immaginando le risposte dell’altro personaggio. I dialoghi vedono per protagonisti personaggi molto differenti tra loro, con un unico elemento in comune: in un momento della loro vita si sono casualmente imbattuti in un “signor Mani” sviluppando un’attrazione che a tratti si tramuta in vera ossessione. Le vicende dellafamiglia, si ricostruiscono, tassello su tassello, attraverso il punto di vista di disparati personaggi, di luoghi multiformi e situazioni temporali distinte. Ci troviamo di fronte a un groviglio di fili che all’inizio del libro appare difficilmente districabile. Andando avanti con la lettura e dunque a ritroso nel tempo, ecco che, gradualmente, la matassa inizia a snodarsi e ogni elementoacquisisce senso e significato. In ogni dialogo, il personaggio che racconta in prima persona, delinea, con la propria narrazione, un preciso “livello generazionale”, ovvero espone gli episodi e i particolari che aiutano i lettori a ricostruire, a ritroso, le vicende di una delle sette generazioni di “ signor Mani”.
Il primo dialogo, ambientato in un kibbutz israeliano nel 1982, ci fa immergere nella...
tracking img