Introduzione a s. agostino

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 135 (33674 palabras )
  • Descarga(s) : 0
  • Publicado : 10 de septiembre de 2012
Leer documento completo
Vista previa del texto
CIPRIANI N.
Introduzione a S. Agostino (SA 620) - I


Lezione I del 14 Ottobre 1999.


E’ necessario studiare S. Agostino oggi? S. Agostino ha influito moltissimo sulla nostra cultura e storia. Alcune idee pesano ancora sull’atteggiamento della Chiesa in tanti problemi. Agostino merita di essere studiato con più attenzione degli altri Padri della Chiesa occidentale. Poi non c’è un altropadre della Chiesa interpretato in maniera così opposta, così diversa l’una dall’altra. Questo succedeva già all’inizio già nel V secolo dove c’era una divisione tra sostenitori entusiasti e coloro che non accettavano nulla di Agostino. C’è poi anche una lettura diversa delle sue opere anche tra gli ammiratori. Anche altri autori antichi hanno avuto questa sorte. Ma per Agostino questo è statomolto importante nel prosieguo della storia della Chiesa. Molti teologi moralisti e anche dogmatici oggi fanno a meno di Agostino e di tutti i padri.
Di quale introduzione noi parliamo oggi? Etienne Gilson, Introduzione allo studio di S. Agostino (19281, 19684 - trad. it. 1983). Kurt Flash, Introduzione al pensiero di Agostino (trad. it. Introduzione all’opera filosofica di Agostino, ed. Il Mulino).Ci sono altre opere che nei primi capitoli offrono le chiavi interpretative del pensiero agostiniano. Leggendo Etienne Gilson ci accorgiamo che più che offrirci degli strumenti per leggere le opere di Agostino egli ci dice che ‘sente il bisogno di studiare l’agostinismo di Agostino per capire meglio quello degli autori medievali’. Questo lascia perplessi. Cerca di far vedere l’unità del pensieroagostiniano, ma solo in riferimento ai suoi successori. Concepito per risolvere questo problema il nostro libro non poteva essere uno studio delle fonti dell’agostinismo. Vuole poi ‘offrire delle tesi capitali ed essenziali che permettono esse sole di ordinarne e interpretarne esattamente i particolari’. Egli fa una scelta: prende le tesi più importanti del pensiero Agostiniano e le espone inmaniera unitaria. Si interessa quindi di più allo spirito dell’agostinismo. I rischi sono che questa esposizione può essere determinata dai gusti e dalle scelte dell’autore e non ripeta il pensiero di Agostino. Egli poi ci indica una pista ma non uno strumento concreto per leggere. Sembra a Cipriani che questa opera di Gilson può aiutare, ma può anche danneggiare la comprensione di Agostino. Ci sonodiverse altre considerazioni utili da fare al fine di comprendere meglio i testi agostiniani. Questo studio di Gilson è stato criticato dal Flash (p. 12: “Non è più possibile fare del pensiero di S. Agostino un esposizione sistematica in modo sincronico come ha fatto Gilson nella sua Introduzione allo studio di S. Agostino”). S. Agostino, lo dice lui stesso nelle ‘Retractationes’, ha fatto deiprogressi scrivendo; tante questioni sono state iniziate da Agostino nei primi anni della sua conversione e hanno avuto la loro completezza solo in anzianità. Non si può quindi fare un’esposizione sincronica del suo pensiero. Qualcuno parla di evoluzione del suo pensiero. Agostino stesso chissà se si riconoscerebbe nell’esposizione fatta da Gilson; egli non ha tenuto conto dei suoi progressi.
AncheFlash ‘vuole fare un’esposizione complessiva del pensiero di Agostino, però vuole delineare il pensiero e l’opera di Agostino all’interno di un nuovo quadro’. Vuole fare una trattazione ‘genetica’ di come è nata l’opera e di come si è sviluppato il pensiero, leggere l’opera di Agostino nel contesto storico. Cambia la chiave di lettura. Lui tiene presente il principio che manca in Gilson, e cioè laprogressività, dando rilievo soprattutto agli avvenimenti storici di quel tempo. Agostino scrive condizionato dai problemi del tempo, e i suoi scritti vanno letti contestualizzandoli storicamente.
P. 11: il ‘libro (di Flash) va oltre la caratterizzazione storica, ma va alla radice della verità delle sue teorie’. Per Flash Agostino non è un filosofo, né un pensatore, ma è un retore e quindi non...
tracking img