Ruzzante

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 21 (5073 palabras )
  • Descarga(s) : 0
  • Publicado : 24 de enero de 2011
Leer documento completo
Vista previa del texto
Ruzzante (alias Angelo Beolco)

Il reduce, o Parlamento de Ruzante che iera vegnú de campo
Questo e-book è stato realizzato anche grazie al sostegno di:
E-text
Editoria, Web design, Multimedia
http://www.e-text.it/

QUESTO E-BOOK:

TITOLO: Il reduce, o Parlamento de Ruzante che iera vegnú de campo
AUTORE: Ruzzante (alias Angelo Beolco)
TRADUTTORE:
CURATORE:
NOTE:

DIRITTID'AUTORE: no

LICENZA: questo testo è distribuito con la licenza
specificata al seguente indirizzo Internet:
http://www.liberliber.it/biblioteca/licenze/

TRATTO DA: Teatro Italiano vol I
Nuova Accademia Editrice 1963

CODICE ISBN: informazione non disponibile

1a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 6 novembre 1997

INDICE DI AFFIDABILITA': 1
0: affidabilità bassa
1: affidabilitàmedia
2: affidabilità buona
3: affidabilità ottima

ALLA EDIZIONE ELETTRONICA HANNO CONTRIBUITO:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it

REVISIONE:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it

PUBBLICATO DA:
Marco Calvo, http://www.mclink.it/personal/MC3363/

Informazioni sul "progetto Manuzio"
Il "progetto Manuzio" è una iniziativa dell'associazione culturale Liber Liber. Aperto achiunque voglia collaborare, si pone come scopo la pubblicazione e la diffusione gratuita di opere letterarie in formato elettronico. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Internet: http://www.liberliber.it/

Aiuta anche tu il "progetto Manuzio"
Se questo "libro elettronico" è stato di tuo gradimento, o se condividi le finalità del "progetto Manuzio", invia una donazione a Liber Liber. Iltuo sostegno ci aiuterà a far crescere ulteriormente la nostra biblioteca. Qui le istruzioni: http://www.liberliber.it/sostieni/

IL REDUCE

o Parlamento de Ruzante che iera vegnú de campo.

Angelo Beolco detto il Ruzante

PERSONAGGI

RUZANTE

MENATO

GNUA

UN BRAVO

SCENA PRIMA

RUZANTE e MENATO.

RUZANTE - A ghe son pur rivò a ste Vergniesie, che a m'he pí auguròd'arivarghe, che no se aguré mé de arivare a l'erba nuova cavala magra e imbolzia. A me refaré pure. A galderé pure la me Gnua, che gh'è vegnú a stare. Càncaro a i campi, a la guera, a i soldé. A sé che no me gh'arciaparé mé pí in campo. A no sentiré zà pí sti remore de tamburini com a fasea. Mo trombe, mo criar arme. A no haré zà pí paura. Mo com a sentia arme, a parea un tordo che haesse habú nasbolzonà. Mo sciopiti, mo trelarí. Mo a sé le no me arvisinerà. Sí,... le me darà en lo culo. Ferze mo, muzàr mo. A dormirà pure i me suoni. A magnarè pure, che me farà pro. Pota, che squaso, qualche volta, a no haea destro de cagare, ch'el me fesse pro. Oh, oh, Marco, Marco! A son pur chialò a la segura. Càncaro, a son vegnú presto. A cherzo che a he fato pí de sessanta megia al dí. Mo a son vegnú en tridí da Chermona in qua: poh, no gh'è tanta via come i dise. I dise che da Chermona a Bersa che gh'è quaranta megia; sí... el gh'è un bati! El noghe n'è gnan deseoto. Da Bersa a la Peschiera i dise chtel ghe n'è trenta. Trenta? Cope Fiorín! A no egi ben seesse. Da la Peschiera a chí, che ghe pò esser? A ghe son vegnú in t'un dí. L'è vero ch'ha he caminò tuta la note. Meh sí! falcheto no volè mètanto com a he caminò mi. A la fé, ch'el me duol ben le gambe, tamentre a no son gnan straco. Orbentena! La paura me cazava, el desiderio m'ha portò. Faze che le scarpe harà portò la pena. A le vuò veere. T'el dissio mi? Càncaro me magne, te par che ghe n'he desolò una. Haré guagnò questo in campo. Mo càncaro me magne, se haesse bu gi anemisi al culo, a no desea caminar tanto. A he fato el bel guagno.Mo a suon forsi in luogo ch'ha in poré robare un paro, com a fié queste, ch'a le robé a un vilan in campo. Orbentena, el no sarae male star in campo per sto robare, s'el no foesse che se ha gran paure. Càncaro a la robe. A son chialò a la segura, e squase che no a ghe cherzo essere gnian. S' a me insuniassi? La sarae ben da porco. A sé ben ch'a no me insunio. Poh, mo no songie montò in barca a...
tracking img