Abruzzo

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 14 (3461 palabras )
  • Descarga(s) : 0
  • Publicado : 26 de noviembre de 2011
Leer documento completo
Vista previa del texto
Abruzzo

L'Abruzzo è una regione dell'Italia peninsulare, compresa tra l'Adriatico e l'Appennino centrale Suo capoluogo è L'Aquila. Pur essendo geograficamente parte dell'Italia centrale, tradizione, storia, dialetto, cultura ed economia legano l'Abruzzo all'Italia meridionale.

Occupa una superficie di 10.763 km² e ha una popolazione di 1.342.975 abitanti. È diviso in quattro province:L'Aquila, Chieti, Pescara e Teramo. Confina a nord con le Marche, ad est con il mare Adriatico, ad ovest con il Lazio e a sud con il Molise. La regione è una delle mete turistiche tra le più visitate in Italia e anche in Europa, data la varietà di paesaggi e di ambienti spesso incontaminati e selvaggi che la stessa offre.

Etimologia

La parola Abruzzo secondo l'ipotesi più accreditata proposta perla prima volta dallo storico umanista Flavio Biondo nella sua pubblicazione L'Italia Illustrata deriverebbe da Aprutium come evoluzione popolare di (ad) Praetutium, cioè la terra dei Praetutii, un'antica popolazione italica che viveva nella zona dell'attuale Teramo.

Stemma

Lo stemma della Regione Abruzzo è stato adottato nel 1976, sedici anni dopo la costituzione della Regione, quindi allasua quarta legislatura. Lo stemma raffigura uno scudo, di tipo italico, con la punta rivolta verso il basso. Molto semplice la sua simbologia: vi sono raffigurate tre fasce: una superiore, bianca, che simboleggia i monti innevati; una mediana, verde, il colore delle colline, e l'ultima, in basso, azzurra, che richiama il colore del mare.In questi simboli sono sintetizzate le caratteristichemorfologiche, economiche e sociali della regione.

[pic]

Geografia

Regione prevalentemente montuosa (65%) e collinare (34%) la pianura (1%) è costituita soltanto da una stretta fascia costiera lungo il litorale.

Valichi e passi montani principali: Passo delle Capannelle, Sella di Corno, Bocca di Forlì, Passo Godi, Valico della Forchetta, Passo di Forca Caruso.
Fiumi principali:Aterno-Pescara (135 km), Sangro (117 km), Vomano (75 km), Liri (40 km)
Laghi principali: lago di Campotosto, lago di Scanno, lago di Bomba, lago Sant'Angelo.
Zone umide: lago di Barrea
Coste: 129 km totali
Mari: mar Adriatico
[pic]

Monti

La regione presenta le vette più alte dell'Appennino, con il Gran Sasso d'Italia (Corno Grande) ed il massiccio della Maiella (Monte Amaro), cui si aggiungono irilievi dei monti della Laga al confine con Lazio e Marche, del gruppo Sirente-Velino, delle montagne del Parco Nazionale d'Abruzzo al confine con Lazio e Molise e dei monti Simbruini in comune con il Lazio.

Monti principali: Gran Sasso d'Italia (Corno Grande 2914 m), Majella (monte Amaro (2793 m), monte Velino (2487 m), monte Gorzano (2455 m), monte Sirente (2349 m), monte Greco (2285 m), montePetroso (2247 m), monte Viglio (2156 m), monte Cotento (2015 m).

Colline

La parte orientale della regione è caratterizzata dalla presenza di una ininterrotta e lunga fascia collinare, di notevole interesse paesaggistico. Le grandi bastionate montuose ad ovest ed il mare ad est, delimitano l'area collinare, così che questa sembra quasi sospesa tra il mare e le incombenti montagne. Le collineabruzzesi sono poco conosciute, eppure racchiudono un insieme di interessi assai variegati. Il paesaggio è stato interamente modellato dal lavoro dell'uomo per lo sfruttamento agricolo di terre molto vocate alla produzione di olio e vino.Il paesaggio è infatti caratterizzato dalla presenza di estesi oliveti e vigneti che conferiscono una nota di colore e di fascino. I colli, talvolta sono alti edarcigni, talvolta sono caratterizzati da dolci e verdi declivi, oppure hanno pendii adagiati, quasi allungati. Non mancano formazioni calanchifere dovute a fenomeni di erosione. In ogni caso non mancano aree dove si sono conservati piccoli boschi di querce, pioppi, salici e aceri. Di sovente si trovano alberi quasi dimenticati, come il sorbo domestico, il giuggiolo, il moro, il gelso e molte...
tracking img