Vienna

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 16 (3838 palabras )
  • Descarga(s) : 0
  • Publicado : 24 de marzo de 2011
Leer documento completo
Vista previa del texto
La riunione dei "grandi" al Congresso di Vienna

(L'IMMAGINE A PIENO SCHERMO (300 kb) CON L'INDICAZIONE DI TUTTI I PRESENTI
QUI PER CHI POSSIEDE IL CD DI "CRONOLOGIA")
IL CONGRESSO DI VIENNA
poi la SANTA ALLEANZA

By Yuri Marcialis
 
Il Congresso di Vienna arrivava dopo ventidue anni di timore per un’Europa unita, controllata e governata dalla Francia. Si trattava di formare un ordinelegittimo dopo che la rivoluzione francese aveva scardinato il principio secondo il quale i re governavano per diritto divino. I vecchi sovrani e i loro ministri acquistavano nuovamente un ruolo fondamentale e come prima cosa imponevano alla Francia la restaurazione dei Borbone, col legittimo erede: Luigi XVIII.
Si apriva un acceso dibattito politico tra sostenitori della vecchia Europa e quellidella nuova Europa; tra i più lungimiranti sostenitori del ripristino della situazione pre-rivoluzionaria era però evidente la necessità di scendere a compromessi. Non era possibile dare un colpo di spugna alle conquiste della rivoluzione diffusesi grazie all’imperialismo napoleonico. Conquiste come la nazionalizzazione dei beni del clero e l’idea della libertà (fosse questa di stampa, riunione oassociazione) erano ormai assimilate e fatte proprie da gran parte della popolazione europea.
Simbolo di questa libertà era diventata la Costituzione, scritta nella maggior parte dei casi, sulla quale i sostenitori di vecchia e nuova Europa si confrontavano in un dibattito che evidenziava le maggiori differenze in relazione alla natura della sovranità. I primi propendevano per una Costituzioneconcessa dal sovrano come atto di bontà nei confronti dei sudditi e i secondi intendevano la Costituzione come un diritto dei sudditi, detentori della sovranità.
In quest’atmosfera si apriva, il 3 Ottobre del 1814, il Congresso di Vienna. Per la prima volta nella storia dell’Europa moderna, tutti i sovrani e i loro ministri partecipavano ai dibattiti di un grande congresso in prima persona. Iprotagonisti erano Charles Maurice Talleyrand-Pèrigord per la Francia, Robert Stewart visconte di Castlereagh per l’Inghilterra, Klemens Wenzel Lothar principe di Metternich per l’Austria, barone Karl August von Hardenberg per la Prussia e lo zar Alessandro I Pavlovic per la Russia.
La presenza degli esponenti di maggior spicco dell’aristocrazia europea provocava un clima di euforia tale datrasformare il congresso in un evento mondano di grande importanza, mentre il tipo di incontri tra governanti, invece che plenario, era soprattutto di tipo bilaterale. Lo svolgimento del Congresso può essere ben compreso dalle parole di uno dei protagonisti, Metternich lo descriveva così: “grazie a un concorso di circostanze unico negli annali del mondo, i principali attori di questo dramma si sono trovatiriuniti negli stessi luoghi […] il capo del gabinetto inglese quasi ogni giorno ha avuto contatti con i suoi colleghi d’Austria, di Prussia e di Russia […] e le usanze diplomatiche hanno dovuto per forza di cose adeguarsi alle circostanze. Gli affari più complessi, le questioni più ardue vengono trattati in vari modi in questa o quella sala: niente corrieri, niente scambi di note scritte, nienteintermediari tra le corti […] i problemi più gravi erano sempre agitati e discussi durante le riunioni familiari che avevano luogo fra i tre sovrani oltre che fra i capi di gabinetto, e solo allorché queste questioni fossero giunte a un certo grado di maturità i ministri tenevano conferenze regolari e stendevano verbali”.
Il personaggio che più influenzava lo svolgersi del Congresso di Vienna,anche perché in rappresentanza della parte perdente, era certamente Talleyrand, ex vescovo di Autun, che dopo aver avuto un ruolo importante sotto Napoleone, si era messo al servizio dei Borbone. Suo obiettivo era quello di tenere la Francia, pur sconfitta, nella cerchia delle grandi potenze. Per far ciò sosteneva con fermezza che il colpevole degli avvenimenti dell’ultimo ventennio era stato solo...
tracking img