L'islam globale

Solo disponible en BuenasTareas
  • Páginas : 7 (1728 palabras )
  • Descarga(s) : 0
  • Publicado : 4 de septiembre de 2010
Leer documento completo
Vista previa del texto
L'Islam Globale
Khaled Fouad Allam - Rizzoli Editore, Milano, 2002
Khaled Fouad Allam, docente di sociologia del mondo musulmano all’Università di Trieste, ha curato un volume, l’Islam Globale, il cui senso profondo ci pare utile a far comprendere meglio le problematiche dell’integrazione musulmana in Occidente. L’incipit è costituito da un dialogo tra madre e figlia, svoltosi nel corso di unprogramma televisivo. Due generazioni a confronto, che vivono l’identità musulmana in modo diverso. Zohra, la madre analfabeta, emigrata in Francia da venticinque anni, vive la sua appartenenza al mondo islamico interiormemente, mentre Naima, la figlia, laureanda in filosofia alla Sorbona, dimostra la sua appartenenza al mondo islamico attraverso l’uso di simboli, come lo hijab (fazzolettoislamico).
Quale delle due è più integrata nella sua identità musulmana? Ecco lo spunto per porre altri quesiti, attraverso il contributo di storici, sociologi, politologi, filosofi ed ideologi islamisti, ci consentono di approfondire il rapporto tra Occidente ed Islam.
Per analizzare quest’ultimo, afferma forse sorprendentemente l’Autore, occorre partire dall’Occidente, verso il quale il mondomusulmano oscilla tra sentimenti di attrazione e rigetto. Non riesce in particolare a formulare una dialettica idonea a porlo sul suo stesso livello. La strategia di riconquista dell’identità islamica si fonda in verità su una operazione di svalutazione dell’Occidente che, secondo l’Autore, opera su un duplice piano. Da una parte si attaccano i musulmani occidentalizzati, dall’altra si sviliscono ifondamenti della sua identità.
Riflette Fuad Allam sulla circostanza che la modernità ha in molti casi prodotto la destrutturazione del sistema preesitente con il conseguente emergere, per esempio nelle prime decadi del ‘900, di movimenti politici religiosi islamisti quali i Fratelli musulmani e la Jama’a islamyya, che hanno interpretato l’Islam alla stregua di un’ideologia politica. Il pensieroradicale viene formulato per la prima volta da Sayyid Qutb (1906-1969), ideologo dei movimenti islamisti contemporanei, secondo il quale non basta applicare la legge musulmana (shari’a), come ritengono gli ulama, dottori della legge provenienti dalle grandi scuole religiose chiamate madrasa, ma è necessario realizzare un sistema politico islamico. I movimenti islamici, di conseguenza, non devono esseresemplici partiti, ma rivestire caratteristiche di confraternite religiose realizzandosi quali organizzazioni sociopolitiche che mirano a conquistare il potere.
L’Islam, diffusosi già in passato in Spagna, in Sicilia e nei Balcani, è oggi presente in Europa con importanti comunità immigrate, caratterizzate da una forte eterogeneità etnica. Come tutte le religioni e le culture, è soggetto adevoluzioni e mutamenti che risentono del contesto storico. Pertanto, il processo di reislamizzazione, nella prospettiva della globalizzazione, si diversifica in funzione del contesto geopolitico e socioculturale, realizzando scenari diversi.
In Italia, dove il mondo islamico ha individuato nella moschea l’elemento strategico unificante all’interno della quale si ritrova un criterio di uguaglianza neltrattamento giuridico e culturale, le diverse identità e dimensioni geopolitiche dell’Islam possono, se emarginate, rappresentare un terreno fertile per il terrorismo.
La profonda crisi che attraversa oggi il mondo musulmano, proiettata anche sul mondo occidentale, è la vera origine, secondo l’Autore, del neofondamentalismo. A partire dagli anni ’70 si affermano l’Islam della contestazione, chenasce nelle moschee di quartiere e nei campus universitari, e l’Islam militante. Questa evoluzione trovava le sue radici:
- nell’usura del potere dei paesi usciti dal periodo post-coloniale;
- nella sconfitta araba nella guerra dei sei giorni contro Israele;
- nella trasformazione socio-economica che sconvolse l’intera società tradizionale dei paesi islamici.
La radicalizzazione dell’Islam...
tracking img